.
Annunci online

pop
massimiliano di giorgio's weblog




Comprate
il mio libro


Leggete
NovaMag[azine]


mdgblog[at]gmail.com
[per comunicazioni]

Mi assumo sempre la responsabilità di quel che scrivo qui,
salvo correggere eventuali errori,
ma certo non di quello che scrivete voi nei commenti



"Riformisti è niente e subito,
Massimalisti è tutto e mai
"

Arturo Zeviani, ex partigiano

1978
(il mio primo racconto pubblicato)

FantoMas
(il mio secondo racconto pubblicato)

Trottolino amoroso
(il mio terzo racconto pubblicato)

Zoetrope
0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10,
11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19,
20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29,
30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 38, 39,
40, 41, 42, 43, 44, 45, 46, 47, 48, 49,

Victorama
0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10


STO LEGGENDO
Manituana, Wu Ming, Einaudi
Le manuel de recruitmente de al-Qaeda, Mathieu Guidere & Nicole Morgan, Seuil
Kafka, David Zane Mairowitz & Robert Crumb, Actes Sud


ULTIMI LIBRI LETTI
Terrorista, John Updike, Guanda
Il paradiso maoista, Philip K. Dick, Fanucci
Dentro, Kenneth J. Harvey, Einaudi
Un osso in gola, Anthony Bourdain, Marsilio
Ils sont votre epouvante, vous etes leur crainte , Thierry Jonquet, Seuil
Sotto la pelle, Michel Faber, Einaudi
I semi di Maralai, Claudio Asciuti, Fanucci
Istanbul, Ohran Pamuk, Einaudi
C'era una volta un re... ma morì, AA. VV., Einaudi
Le ali della sfinge, Andrea Camilleri, Sellerio
Le rose si vendicano due volte, Leonard Morava, EffeQu
Cell, Stephen King, Hodder
PornoNazi, Thor Kunkel, Fazi
Sfregio, Francesco De Filippo, Mondadori
Ti credevo più romantico, Antonio Iovane, Barbera
Bungee Jumping, Giglio Gero
La terra della mia anima, Massimo Carlotto, E/O
Sabotaggio Olimpico, Manuel Vazquez Montalban, Feltrinelli
Jerry Cornelius: Programma Finale, Michael Moorcock, Fanucci
Au fond de l'oeil du chat, Serge Quadruppani, Métailié
L'odio in rete, Antonio Roversi, Il Mulino
Quand vous serez en France - Instruction aux soldats britanniques - France 1994, Broché
China Candid, Sang Ye, Einaudi
La città che dimenticò di respirare, Kenneth J. Harvey, Einaudi
Confine di Stato, Simone Sarasso, EffeQu
Guida alla coppa del mondo per tifosi dotati di cervello, AA.VV., Mondadori
Twilight, Stephenie Meyer, Lain
In un Tempo Freddo e Oscuro, Joe Lansdale, Einaudi
Cattivo Sangue, Sandra Scoppettone, E/O
I bambini di Pinsleepe, Jonathan Carroll, Fazi
American Gods, Neil Gaiman, Mondadori
Arrivederci Amore Ciao, Massimo Carlotto, E/O
Ma cavale, Cesare Battisti


ULTIMI LIBRI ACQUISTATI
New Moon, Stephenie Mayer, Lain
Manituana, Wu Ming, Einaudi
Terrorista, John Updike, Guanda
Dentro, Kenneth J. Harvey, Einaudi
Il paradiso maoista, Philip K. Dick, Fanucci
Sotto la pelle, Michel Faber, Einaudi
Il sont votre epouvante, vous etes leur crainte , Thierry Jonquet, Seuil
I semi di Maralai
, Claudio Asciuti, Fanucci
Cell, Stephen King, Hodder
Atlantide, Pierre Vidal-Naquet, Einaudi
PornoNazi, Thor Kunkel, Fazi
Sabotaggio Olimpico, Manuel Vazquez Montalban, Feltrinelli
Jerry Cornelius: Programma Finale, Michael Moorcock, Fanucci
La terra della mia anima, Massimo Carlotto, E/O
Confine di Stato, Simone Sarasso, EffeQu
Twilight, Stephenie Meyer, Lain
In un Tempo Freddo e Oscuro, Joe Lansdale, Einaudi
Cattivo Sangue, Sandra Scoppettone, E/O
I bambini di Pinsleepe, Jonathan Carroll, Fazi
On Beauty, Zadie Smith, Penguin
Marx ou l'esprit du monde, di Jacques Attali, Fayard
American Gods, Neil Gaiman, Mondadori
Scrivere un articolo, Stefano Baldolini, Dino Audino editore
Arrivederci Amore Ciao, Massimo Carlotto, E/O


ULTIMI CD ACQUISTATI
Get Used To It, The Brand New Heavies
Joni Mitchell Tribute, AA. VV. 
Nova Soul 3, AA. VV.
Unavantaluna, Unavantaluna
Soul Search, Freddy Cruger aka Red Astaire
St. Elsewhere, Gnarls Barkley
Ishumar, Toumast
NovaTunes 1.5, AA. VV.
Overtones, Just Jack
Cansei de Ser Sexy, CSS
Birdy Nam Nam, Birdy Nam Nam
The Good The Bad and The Queen, TGTBTQ
Area International POPular group, Area
As heard on Radio Soulwax pt.2, 2ManyDjs
The Hardest Way To Make An Easy Living, The Streets
Favela Chic - PostoNove 4, AA. VV.
Rhythms del Mundo, AA. VV.
Reale, Casino Royale
High Times, Singles 1992-2006, Jamiroquai
Gypsy Punk, Gogol Bordello
The Definitive Story of CBGB, AA. VV.
Colours Are Brighter, AA. VV.
Rock The Jazzbar, AA. VV.
Youth, Matisyahu
In My Mind, Pharrell
Seven Days in Sunny June (minialbum), Jamiroquai
Action Speaks Louder Than Words, AA.VV.
The Garden, Zero7
This Is Soul 2006, AA.VV.
Elevate Our Minds / Soul Culture 03, AA.VV.
2BB4UR, George Clinton & The PFunk Allstars
La vida te da, Amparanoia
New York Noise 1977/1984, AA. VV.
Collected, Massive Attack
Duper Sessions, Sondre Loche & The Faces Down Quartet
Morph The Cat, Donald Fagen
3121, Prince
Clap You Hands Say Yeah, Clap You Hands Say Yeah
Late Registration, Kanye West
Whatever People Say I'm, That's What I'm Not, Arctic Monkeys


ULTIMI FILM VISTI
Guida per conoscere i tuoi santi, Dito Montiel
Le vite degli altri, Florian Henckel Von Donnersmarck
300, Zack Snyder
Il grande capo, Lars Von Trier
A Est di Bucarest, Corneliu Porumboiu
Fascisti su Marte, Corrado Guzzanti
Nuovomondo, Emanuele Crialese
C.R.A.Z.Y., Jean-Marc Vallée
L'Orchestra di piazza Vittorio, Agostino Ferrente
A History of Violence, David Cronenberg
Romance & Cigarettes, John Turturro
The Wind That Shake the Barley, Ken Loach
Volver, Pedro Almodovar
Inside Man, Spike Lee
Viaggio alla Mecca, Ismail Ferroukhi

StatCounter - Free Web Tracker and Counter StatCounter - Free Web Tracker and Counter
8 ottobre 2003
CONFESSIONI DI UNO CHE E' PIU' CONSERVATORE - O MENO DEMOCRATICO? - DI FINI

    Premesso che non sono razzista (tutti gli eloqui razzisti cominciano così), alla sortita di Gianfranco Fini sul voto agli immigrati extra-Ue nelle elezioni amministrative ho avuto una reazione duplice, anzi contraddittoria, in tutta onestà schizofrenica.
    Sarà una provocazione per saggiare la tenuta della Lega Nord - ma anche per testare gli umori del proprio elettorato - sarà altro, non so. Ma la frase del leader di Alleanza Nazionale ha gettato luce sul mio - è solo mio ? - male oscuro, sul mio conservatorismo democratico, ahimè, sul mio coté Pim Fortuyn
    (il leader populista olandese a capo della lista omonima ucciso nel maggio 2002 da un animalista: l'altra mia deriva borderline, l'animalismo).
    Convinto che la democrazia sia sostanza, ma anche forma e procedura, penso a mente lucida che il voto agli immigrati, che nelle nostre città vivono e lavorano, sia cosa buona e giusta, e aiuti l'integrazione.
    Certo, non sarà solo il voto a produrre integrazione, ma servirà a dare più voce agli immigrati nella vita delle città. E poi, se anche loro pagano le tasse, usano i servizi e vivono la città, mi pare sacrosanto che decidano dell'amministrazione.
    (Io, da emigrante temporaneo - e per amore, non per economica necessità - e cittadino Ue, ho votato nel 2000 alle elezioni comunali di Bruxelles. E Napa voterà a Roma nel 2006, salvo nostra ri-partenza)
    Poi però, emerge anche il lato oscuro delle mie convinzioni, emergono i miei pregiudizi democratici, laici e di sinistra. Provo a spiegarmi.
    Temo che gran parte degli immigrati (quelli regolari sono ormai quasi 3 milioni, se non ho capito male i dati Caritas) esprimano una cultura machista, familista, conservatrice e tradizionalista che si coniugherebbe meglio con le idee e gli slogan di Alleanza Nazionale - o, ancor di più, di Forza Italia - piuttosto che con quelle dei partiti a cui dò il mio voto e da cui preferisco siano amministrate le città, o almeno la mia città, Roma.
    Il ruolo centrale della famiglia, l'importanza della religione, il proibizionismo, per fare solo alcuni esempi, sono capitoli di un libro la cui lettura non mi appassiona.
    E poi, la voglia di integrazione - ammesso che essa prevalga sulla volontà di affermare la propria appartenenza comunitaria - non può far sì che gli immigrati tendano a identificarsi con l'immagine del partito vincente, con l'uomo-che-si-è-fatto-da-sé (nella favola mediatica)?
    Infine, da pessimista cosmico, cioè già ritenendo che, in fondo, l'umanità sia tendenzialmente di destra, se non altro per paura, mi chiedo se sia il caso di aggiungere destra immigrata a destra indigena.
    Forse non sarà così. Il voto degli immigrati - quando potranno votare, e se vorranno votare - finirà per sommarsi in modo più o meno indistinto a quello attuale, senza alterare particolarmente gli equilibri (ma c'è quello degli "italiani nel mondo" che forse sta già facendo danni e si prepara a farne anche nel prossimo Parlamento...).
   O forse sarà così, e ci ritroveremo a bestemmiare, noi di sinistra (minimo comune denominatore che fatico spesso a definire), davanti alla sconfitta elettorale, per esserci impegnati così tanto a promuovere i diritti degli immigrati per finire col diventarne politicamente vittime. E magari, ci ritroveremo a maledire di nuovo il giorno in cui, oltre 50 anni fa, qualcuno diede il voto alle donne e fece vincere così la Democrazia Cristiana (quella stessa che oggi qualcuno rimpiange).

 




permalink | inviato da il 8/10/2003 alle 14:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (27) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte