.
Annunci online

pop
massimiliano di giorgio's weblog




Comprate
il mio libro


Leggete
NovaMag[azine]


mdgblog[at]gmail.com
[per comunicazioni]

Mi assumo sempre la responsabilità di quel che scrivo qui,
salvo correggere eventuali errori,
ma certo non di quello che scrivete voi nei commenti



"Riformisti è niente e subito,
Massimalisti è tutto e mai
"

Arturo Zeviani, ex partigiano

1978
(il mio primo racconto pubblicato)

FantoMas
(il mio secondo racconto pubblicato)

Trottolino amoroso
(il mio terzo racconto pubblicato)

Zoetrope
0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10,
11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19,
20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29,
30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 38, 39,
40, 41, 42, 43, 44, 45, 46, 47, 48, 49,

Victorama
0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10


STO LEGGENDO
Manituana, Wu Ming, Einaudi
Le manuel de recruitmente de al-Qaeda, Mathieu Guidere & Nicole Morgan, Seuil
Kafka, David Zane Mairowitz & Robert Crumb, Actes Sud


ULTIMI LIBRI LETTI
Terrorista, John Updike, Guanda
Il paradiso maoista, Philip K. Dick, Fanucci
Dentro, Kenneth J. Harvey, Einaudi
Un osso in gola, Anthony Bourdain, Marsilio
Ils sont votre epouvante, vous etes leur crainte , Thierry Jonquet, Seuil
Sotto la pelle, Michel Faber, Einaudi
I semi di Maralai, Claudio Asciuti, Fanucci
Istanbul, Ohran Pamuk, Einaudi
C'era una volta un re... ma morì, AA. VV., Einaudi
Le ali della sfinge, Andrea Camilleri, Sellerio
Le rose si vendicano due volte, Leonard Morava, EffeQu
Cell, Stephen King, Hodder
PornoNazi, Thor Kunkel, Fazi
Sfregio, Francesco De Filippo, Mondadori
Ti credevo più romantico, Antonio Iovane, Barbera
Bungee Jumping, Giglio Gero
La terra della mia anima, Massimo Carlotto, E/O
Sabotaggio Olimpico, Manuel Vazquez Montalban, Feltrinelli
Jerry Cornelius: Programma Finale, Michael Moorcock, Fanucci
Au fond de l'oeil du chat, Serge Quadruppani, Métailié
L'odio in rete, Antonio Roversi, Il Mulino
Quand vous serez en France - Instruction aux soldats britanniques - France 1994, Broché
China Candid, Sang Ye, Einaudi
La città che dimenticò di respirare, Kenneth J. Harvey, Einaudi
Confine di Stato, Simone Sarasso, EffeQu
Guida alla coppa del mondo per tifosi dotati di cervello, AA.VV., Mondadori
Twilight, Stephenie Meyer, Lain
In un Tempo Freddo e Oscuro, Joe Lansdale, Einaudi
Cattivo Sangue, Sandra Scoppettone, E/O
I bambini di Pinsleepe, Jonathan Carroll, Fazi
American Gods, Neil Gaiman, Mondadori
Arrivederci Amore Ciao, Massimo Carlotto, E/O
Ma cavale, Cesare Battisti


ULTIMI LIBRI ACQUISTATI
New Moon, Stephenie Mayer, Lain
Manituana, Wu Ming, Einaudi
Terrorista, John Updike, Guanda
Dentro, Kenneth J. Harvey, Einaudi
Il paradiso maoista, Philip K. Dick, Fanucci
Sotto la pelle, Michel Faber, Einaudi
Il sont votre epouvante, vous etes leur crainte , Thierry Jonquet, Seuil
I semi di Maralai
, Claudio Asciuti, Fanucci
Cell, Stephen King, Hodder
Atlantide, Pierre Vidal-Naquet, Einaudi
PornoNazi, Thor Kunkel, Fazi
Sabotaggio Olimpico, Manuel Vazquez Montalban, Feltrinelli
Jerry Cornelius: Programma Finale, Michael Moorcock, Fanucci
La terra della mia anima, Massimo Carlotto, E/O
Confine di Stato, Simone Sarasso, EffeQu
Twilight, Stephenie Meyer, Lain
In un Tempo Freddo e Oscuro, Joe Lansdale, Einaudi
Cattivo Sangue, Sandra Scoppettone, E/O
I bambini di Pinsleepe, Jonathan Carroll, Fazi
On Beauty, Zadie Smith, Penguin
Marx ou l'esprit du monde, di Jacques Attali, Fayard
American Gods, Neil Gaiman, Mondadori
Scrivere un articolo, Stefano Baldolini, Dino Audino editore
Arrivederci Amore Ciao, Massimo Carlotto, E/O


ULTIMI CD ACQUISTATI
Get Used To It, The Brand New Heavies
Joni Mitchell Tribute, AA. VV. 
Nova Soul 3, AA. VV.
Unavantaluna, Unavantaluna
Soul Search, Freddy Cruger aka Red Astaire
St. Elsewhere, Gnarls Barkley
Ishumar, Toumast
NovaTunes 1.5, AA. VV.
Overtones, Just Jack
Cansei de Ser Sexy, CSS
Birdy Nam Nam, Birdy Nam Nam
The Good The Bad and The Queen, TGTBTQ
Area International POPular group, Area
As heard on Radio Soulwax pt.2, 2ManyDjs
The Hardest Way To Make An Easy Living, The Streets
Favela Chic - PostoNove 4, AA. VV.
Rhythms del Mundo, AA. VV.
Reale, Casino Royale
High Times, Singles 1992-2006, Jamiroquai
Gypsy Punk, Gogol Bordello
The Definitive Story of CBGB, AA. VV.
Colours Are Brighter, AA. VV.
Rock The Jazzbar, AA. VV.
Youth, Matisyahu
In My Mind, Pharrell
Seven Days in Sunny June (minialbum), Jamiroquai
Action Speaks Louder Than Words, AA.VV.
The Garden, Zero7
This Is Soul 2006, AA.VV.
Elevate Our Minds / Soul Culture 03, AA.VV.
2BB4UR, George Clinton & The PFunk Allstars
La vida te da, Amparanoia
New York Noise 1977/1984, AA. VV.
Collected, Massive Attack
Duper Sessions, Sondre Loche & The Faces Down Quartet
Morph The Cat, Donald Fagen
3121, Prince
Clap You Hands Say Yeah, Clap You Hands Say Yeah
Late Registration, Kanye West
Whatever People Say I'm, That's What I'm Not, Arctic Monkeys


ULTIMI FILM VISTI
Guida per conoscere i tuoi santi, Dito Montiel
Le vite degli altri, Florian Henckel Von Donnersmarck
300, Zack Snyder
Il grande capo, Lars Von Trier
A Est di Bucarest, Corneliu Porumboiu
Fascisti su Marte, Corrado Guzzanti
Nuovomondo, Emanuele Crialese
C.R.A.Z.Y., Jean-Marc Vallée
L'Orchestra di piazza Vittorio, Agostino Ferrente
A History of Violence, David Cronenberg
Romance & Cigarettes, John Turturro
The Wind That Shake the Barley, Ken Loach
Volver, Pedro Almodovar
Inside Man, Spike Lee
Viaggio alla Mecca, Ismail Ferroukhi

StatCounter - Free Web Tracker and Counter StatCounter - Free Web Tracker and Counter
18 febbraio 2005
LE EMERGENZE INVISIBILI. SULLA TV

(grazie al collega gionata)


ROMA, 18 febbraio (Reuters) - Dal Congo alla Somalia, dalla Colombia all'Indonesia, 10 gravi crisi umanitarie mondiali hanno ricevuto nel 2004 un'attenzione scarsa e parziale sui media italiani, in particolar modo nei telegiornali, che hanno dedicato loro solo lo 0,02% degli spazi.
    E' quanto emerge da uno studio promosso dall'associazione umanitaria Medici Senza Frontiere, che ha analizzato lo spazio riservato da quotidiani, periodici e tg nazionali alle emergenze umanitarie nel secondo semestre dello scorso anno.
    In tale periodo, "le emergenze umanitarie nel loro insieme - si legge in una nota di Msf - hanno conquistato il 17,5% degli spazi sui tg, ma 10 contesti hanno ricevuto appena lo 0,02% degli spazi sui telegiornali dell'ora di pranzo e di prima serata, e appena 140 citazioni sulla carta stampata, comprese le notizie brevi".
    Tali emergenze, scrive Msf, restano fuori o ai margini del campo visivo dei media, o altrimenti vi entrano in modo parziale o distorto.
    "E' emersa una tendenza dei media italiani a occuparsi delle crisi internazionali quasi solo in relazione alle priorità politiche del momento (guerra al terrorismo, Iraq, etc.)", dice la nota.
    "Se l'Iraq è la crisi più seguita dalle tv -- ben oltre la metà del tempo dedicato alle crisi internazionali -- è evidente che oltre l'81% dei minuti dedicati al conflitto hanno riguardato la cronaca di sequestri, esecuzioni e scontri", si legge ancora. "Solo l'1% di essi è stato dedicato a informare sulle condizioni di vita della popolazione civile o sugli interventi umanitari" nel paese.
    Tra le dieci "crisi dimenticate", il rapporto ricorda l'Etiopia, dove la mortalità infantile al di sotto dell'anno di vita è al 10%, la violenza quotidiana che uccide e scaccia dalle loro case i civili in Congo, Uganda e Somalia, ma anche la Colombia, dove la violenza è la prima causa di morte, i conflitti interreligiosi in Indonesia, o la tubercolosi, che uccide nel mondo una persona ogni 15 secondi.




permalink | inviato da il 18/2/2005 alle 18:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
16 febbraio 2005
CHI HA LETTO QUESTA NOTIZIA?

I due prodotti citati sono in circolazione anche in Italia.



Creme eczema a rischio, necessario informare -scienziati
    ROCKVILLE, Stati Uniti, 15 febbraio (Reuters) - Pazienti e genitori devono ricevere più informazioni sui rischi di cancro derivanti da creme locali usate per curare l'eczema della pelle, ha detto oggi una commissione di esperti medici Usa.
    I farmaci, tra i quali Elidel di Novartis AG e il Protopic di Fujisawa Healthcare Inc. <4511.T>, mostrano un collegamento non chiaro con il cancro ma sono necessarie comunque maggiori informazioni per gli utenti, hanno detto all'Autorità Usa per il cibo e i farmaci (Food and Drug Administration) tutti i componenti del gruppo tranne uno.
    "Servono più informazioni", ha detto il membro della commissione Roselyn Epps, primario di dermatologia del Children National Medical Center di Washington.
    La Food and Drug Administration sta cercando pareri sulla necessità di cambiare l'etichettatura dei farmaci e solitamente, ma non sempre, si serve del consiglio di propri esperti. Al centro delle preoccupazioni è l'ipotesi che i farmaci possano sopprimere la capacità del corpo di combattere le malattie -- come il cancro -- o se piuttosto siano coinvolti altri fattori.
    Secondo gli Istituti nazionali della salute (National Institutes of Health), circa 15 milioni di americani -- tra cui un 20% circa di bambini -- soffrono di eczema, un'infiammazione della pelle che può provocare pruriti e ispessimento della pelle con vesciche o zone squamose.
    Circa il 65% dei pazienti affetti dal disturbo sviluppano i sintomi già dall'età di un anno, ha detto Nih. Sia la crema Novartis che quella Fujisawa sono approvate per l'uso su bambini dai due anni in su.




permalink | inviato da il 16/2/2005 alle 15:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
16 febbraio 2005
+++ SGRENA IN VIDEO +++
ROMA, 16 febbraio (Reuters) - Giuliana Sgrena, la giornalista del Manifesto rapita in Iraq, ha chiesto di essere salvata ritirando le truppe italiane dal Paese, in un video consegnato a diversi media e trasmesso da Sky Italia.
    Sgrena, sequestrata a Baghdad il 4 febbraio, nel video è sola, appare provata. Indossa una maglia e una camicia verdi.
    "Ritiratevi dall'Iraq, perché nessuno deve più venire in Iraq... per favore, fate qualcosa per me", dice Sgrena nel video, piangendo.
    "Chiedo alla mia famiglia di aiutarmi, la mia vita dipende da voi, fate pressione sul governo... Questo popolo non deve più soffrire... questo popolo non vuole occupazione, non vuole truppe, non vuole stranieri".
    Si rivolge poi al marito Pier Scolari, chiedendogli di aiutarla mostrando le foto che lei ha fatto per ritrarre le sofferenze del popolo iracheno.
    "Pier, aiutami tu, sei stato con me in tutte le battaglie, ti prego aiutami... tu solo mi puoi aiutare fino in fondo a chiedere il ritiro delle truppe... la mia speranza è solo in te".
    Nel suo appello la giornalista ribadisce poi che "nessuno deve più venire in Iraq, perché tutti gli stranieri, tutti gli italiani sono considerati nemici".
    In una versione in francese dell'appello, Sgrena precisa che "neppure i giornalisti" devono più recarsi in Iraq.



permalink | inviato da il 16/2/2005 alle 12:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
8 febbraio 2005
I PAPA-RUMOURS

Circola in zona AdnKronos la seguente indiscrezione: entro 72 ore il Papa sarà trasportato in Polonia, previe dimissioni, perché sente che sta per stirare le zampe e vuole morire in patria.
Fate vobis




permalink | inviato da il 8/2/2005 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
6 febbraio 2005
LA STORIA DEL PAPA IN PLAYBACK
Animazione domenicali nelle redaziuoni, dopo che APCom ha scritto che il Papa, oggi, con voce rauca e flebile, parlava in realtà in playback. La notizia è stata ripresa dalla francese AFP, e si è scatenato il panico, al punto che poi poco fa Navarro Valss ha fatto una smentita formale.
Il motivo di tale casino sta nel fatto che il Papa aveva un foglio a coprirgli il viso, e che nell'audio ci sono stati un paio di buchi. Poteva essere in playback? Poteva, non poteva. Divertente la questione. Il nostro vaticanista, per esempio, all'inizio pensava fosse una stronzata, ma ora ha cambiato idea....



permalink | inviato da il 6/2/2005 alle 18:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
2 febbraio 2005
MORTO UN PAPA SE NE FA UN ALTRO (1)

In attesa dell'evento, meglio prepararsi e studiare. Ecco cosa leggerete sui giornali, in qualche bel box.

Il periodo tra la morte di un Papa e l'elezione del suo successore è un momento misterioso scandito da antichi rituali e cerimonie celebrati in alcuni degli edifici più evocativi della storia.

    INTERREGNUM
    Il periodo tra la morte di un Papa e l'elezione del successore è noto come col termine latino di "interregnum", che significa "tra i due regni".
    Il vuoto di potere in genere dura più di due settimane, in cui si celebrano i funerali e i cardinali si riuniscono per il conclave.
    Un cardinale noto come Camerlengo assume temporaneamente il ruolo di reggente con poteri limitati. Una Congregazione Particolare - formata dal Camerlengo e da tre Cardinali Assistenti - decide sulle questioni di routine.
    Tutte le decisioni su importanti questioni dottrinali vengono rimandate, e un gruppo di cardinali con base in Vaticano assume temporaneamente il potere civile nei 43 ettari di Città del Vaticano.

    NOVE GIORNI DI LUTTO
    Tra le prime decisioni della Congregazione Particolare, quando portare la salma del Papa nella Basilica di San Pietro per mostrarla ai fedeli e quando tenere i funerali.
    Poi i membri della Congregazione dispongono i dettagli per i nove giorni di lutto ufficiale e decidono quando dare inizio al conclave.
    E' inoltre loro compito spezzare "l'anello del Pescatore" e il sigillo che serve per i documenti papali in modo che nessun altro possa usarli.

    CONCLAVE
    Il conclave per eleggere un nuovo Papa ha luogo sotto gli affreschi di Michelangelo nella Cappella Sistina. I circa 120 cardinali elettori che esprimeranno il loro voto hanno tra i 15 e i 20 giorni di tempo dopo la morte del Papa per raggiungere Roma per l'inizio del conclave.
    Il conclave più lungo durò quasi tre anni, fra il 1268 e il 1271. Diversi durarono solo un giorno. Quello che portò all'elezione di Giovanni Paolo II nel 1978 richiese meno di tre giorni.
    Una volta iniziato il conclave, i cardinali non escono dal Vaticano finché non viene eletto il nuovo Papa. Votano nella Cappella Sistina e dormono nella Casa Santa Marta.

    FUMATA BIANCA O NERA?
    Ad eccezione dei primi giorni, quando si vota una sola volta, si svolgono due sessioni di voto al giorno finché un candidato ha la maggioranza dei due terzi più uno.
    I cardinali esprimono le proprie preferenze su foglietti di carta con la scritta "Eligo in Summum Pontificem" (Scelgo come Sommo Pontefice) e li inseriscono in un grande calice d'oro.
    Se non si raggiunge la maggioranza necessaria in un voto, le schede e il foglio con i conteggi vengono posti in un forno e bruciati con un additivo che produce fumo nero.
    Se è stato eletto un nuovo Papa, la carta brucia con un additivo che produce invece fumo bianco.
    Il fumo esce da un camino sulla Cappella Sistina, annunciando al mondo il risultato di ogni voto.

    L'ELEZIONE
    Se non si raggiunge alcun risultato in tre giorni, le votazioni vengono sospese per una giornata per consentire ai cardinali di raccogliersi in preghiera e discutere. Si svolgono altre sette votazioni. Se non c'è ancora un risultato, c'è un altro giorno di riposo seguito da altri sette voti.
    A questo punto, se c'è consenso unanime, i cardinali possono abbandonare il criterio dei due terzi più uno per adottare quello della maggioranza assoluta.
    Al nuovo Papa, una volta eletto, viene chiesto se accetti e quale nome scelga.
    Il cardinale diacono più anziano si affaccia allora sul balcone centrale di Piazza San Pietro e annuncia in latino: "Annuntio Vobis Gaudium Magnum, Habemus Papam" (Vi annuncio una grande gioia, abbiamo un Papa).
    Il primo atto del nuovo Papa è quello di salutare e benedire i fedeli riuniti in Piazza San Pietro.
    Alcuni giorni dopo, il Pontefice celebra una messa che simboleggia l'inizio del suo ministero.


 




permalink | inviato da il 2/2/2005 alle 14:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
13 gennaio 2005
VITA DURA DEL BLOGGER DIVENUTO GIORNALISTA FULLTIME

Qui la vicenda di Chris Allbritton, che tornato a new York dal Kurdistan iracheno, ha raccolto negli Usa 15.000 dollari tra i suoi lettori per animare poi nel 2003 dall'Iraq un blog d'informazione, che contava 25.000 lettori al giorno. Finché non è stato assunto da Time come corrispondente, cambiando però l'approccio al suo blog e riducendo gli scoop. Col risultato che molti lettori lo hanno criticato...




permalink | inviato da il 13/1/2005 alle 18:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
11 gennaio 2005
--- FORATTINI LASCIA LA STAMPA ---

Ecco il comunicato che uscirà domani sulla Stampa. Suona come un benservito ma...


TORINO. Giorgio Forattini lascerà la Stampa a fine febbraio. Dopo cinque anni di collaborazione, è venuto a scadere il contratto che il maggior vignettista italiano aveva stipulato con l'Editrice all'inizio del 2000.
Chiamato direttamente dall'Avvocato Agnelli, Forattini era approdato dalla Repubblica alla Stampa una prima volta al principio degli Anni Ottanta, disegnando per due anni e mezzo la vignetta quitidiana in prima pagina e ideando la progettazione grafica del quotidiano. Era poi tornato a Repubblica, da cui era uscito definitivamente alla fine del 1999, anche in seguito a una dura polemica con l'allora presidente del consiglio Massimo D'Alema, relativa a una vignetta sul caso Mitrokhin. La querela presentata da D'Alema contro Forattini era poi stata ritirata dal premier.
A gennaio 2000, sempre chiamato dall'Avvocato Agnelli, il ritorno alla Stampa. E da questi anni di collaborazione (tolte brevi sospensioni estive, Forattini ha pubblicato la sua vignetta tutti i giorni sulla prima pagina per cinque anni) sono nati molti libri fortunati, tra cui l'ultimo «Forattini e altri animali», preceduto da quello, edito direttamente dalla Stampa, che raccoglieva venti anni di vignette dedicate all'Avvocato, «Il signore degli Agnelli».
Ieri mattina il direttore della Stampa Marcello Sorgi e l'amministratore delegato dell'Editrice La Stampa Antonello Perricone sono andati a Milano per incontrare Forattini a casa sua e ringraziarlo per la prestigiosa collaborazione data al giornale in questi anni, molto apprezzata dai lettori.




permalink | inviato da il 11/1/2005 alle 21:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte